Passa ai contenuti principali

La politica dell’apparire. Divi e passerotti a confronto


Passerotto in pieno stato d’estasi
Riflessione semiseria sulla politica, sul divismo e sull’alimentazione dei passeri.
politica
  1. (diritto) arte e scienza di proporre, approvare e rendere operative le leggi di uno stato, esercitata da persone, organizzate in partiti e coalizioni
  2. (per estensione) maniera in cui un governo tratta argomenti e problemi politici determinati
apparire
  1. sembrare, dare una certa impressione visiva
  2. comparire, prender forma dal nulla
  3. presentarsi alla vista inaspettatamente
  4. sorgere

Analizziamo i grassetti.

Tanti commentatori, politologi, polli da salotto ed opinionisti vari starnazzano in continuazione del fatto che “la politica sia cambiata”. Io, come molti della mia generazione, non conosco invece altro modo di fare politica se non “questo”.
17 Dicembre 1992 — Se devo trovare un momento in cui, nel passato, posso dire di aver cominciato a “masticare” di politica nazionale non posso fare a meno di citare Tangentopoli.
Come un pulcino fuori dall’uovo, questo è il mio imprinting. Quando sento parlare del fatto che la politica “è diventata” questo, “è diventata” quell’altro sinceramente mi viene un sorriso amaro; in virtù del mio imprinting posso solo dire che la politica è privilegio, è immunità, è potere incondizionato.
La politica, esercitata da un politico (e da chi altrimenti) è commistione, è la scelta di un dirigente, è il potere di aggirare l’attività amministrativa secondo la propria volontà, è violare le regole, è un primario in ospedale, è un professore universitario, è un rettore che scodinzola all’idea di candidarsi, è la lottizzazione della RAI, è la corruzione (della carne) tra i dirigenti sindacali e sé stessa.
Il politico è la star di questo mondo, il carnefice di quest’arena che ci ostiniamo a chiamare nazione.
def. Nazione: Gruppo di individui cosciente di una propria peculiarità e autonomia culturale e storica, spec. in quanto premessa di unità e sovranità politica: la n. italiana, francese; la bandiera, l’esercito, i confini della n.
In italia una nazione non si è ancora formata.
In un territorio così il politico è colui che ti regala un “posto al sole” e, proprio oggi dicevo, chi ha un posto al sole e si sente la pancia piena non cambia le cose, anzi è intrinsecamente portato a mantenere lo status quo.
Il politico è questo generoso elargitore di sdraio sulla spiaggia, è lo strillatore che catalizza su di sé il mal di pancia di chi lo ascolta, è il tiratore di applausi, il parafulmine di una rabbia mai veramente espressa, ma solo accennata.
Il politico è il divo. Quello che ce “l’ha fatta” (a mangiare sulle spalle degli altri).
Poco importa se per il bene o per il male, non c’è alcuna differenza tra il divo “buono” e quello “cattivo”. Tra chi dice di difendere la legalità o chi, semplicemente, si fa “i cazzi suoi”.
Il divo politico è massificato. Da chi? Dai suoi stessi elettori.
“Gli italiani sono fatti così: vogliono che qualcuno pensi per loro. Se va bene va bene, se va male poi l’impiccano a testa sotto.” — Monicelli
Un divo, “piccolo piccolo” per cervelli da “passerottini”. Gli stessi passerottini che si beccano, con tanto di imbuto, ogni messaggio, esplicito e non, che passa dalla TV o dai suoi surrogati digitali.
Certo perché divo e passerottino sono l’uno in simbiosi con l’altro.
Invitare il divo nel pollaio televisivo, oppure “postribolo” — tanto la differenza è poco palpabile mio malgrado — diventa per il direttore del recinto una sicurezza; la sicurezza che il passerottino non potrà esimersi dall’avvicinarsi e dal guardare e magari cibarsi quasi masochisticamente del becchime che rimane immangiato nell’aia.
Tanto è forte questo richiamo che il divo quasi pagherebbe, se già non lo fa, per presiedere ai talk televisivi che si fanno nell’aia. Il direttore dei talk sa bene che invitare questo o quel politico farà incazzare una parte dei passerottini, piuttosto che un’altra, tanto chi vince sempre è il banco (dello share o del pay per click).
Il divo navigato sa che essere onnipresente in TV fa sì che il proprio nome echeggi, i giorni successivi allo show, di bocca in bocca (per il bene o per il mane non importa), ed è tutta pubblicità gratuita.
Il divo “in erba” che si ritrae davanti a quest’arena, viene spinto dal masochismo e dal voyeurismo dei passerottini, fin tanto da cedere alle lusighe delle sirene e inesorabilmente finire per diventare anch’egli divo navigato, dispensatore di opinioni, insomma un maestro dell’apparire.
Un pensiero fugge e va a chi fa riflettere facendo ridere. Mi riferisco agli unici intellettuali presenti in questo paese, i comici. Il loro mestiere è intrattenere come moderni giullari.
Chi sa far bene quel mestiere è anche in grado di comunicare qualcosa al piccolo cervello dei passerottini; un messaggio subliminale. Quello a cui assisto tuttavia è l’amara incapacità della maggior parte dei passerottini di andare oltre il messaggio “di pancia”, interpretando con schemi semplici quanto viene loro proposto. La reazione è quella di accrescere l’odio o l’amore per la persona “schernita” senza andare al messaggio, al cuore del discorso, che dovrebbe invece far riflettere oltre ogni ragionevole dubbio sul fatto che oramai il divo politico è mera immagine, e che lui stesso, povero passerottino, si nutre di sola apparenza.
Per tornare ai passerottini ho un’immagine di loro molto triste. Una invernale grigia giornata di freddo pungente, e loro che si stringono uno accanto all’altro un po’ per noia un po’ per ripararsi dal freddo; oppure il loro è solo un gesto per sentirsi meno soli nella desolazione che hanno davanti agli occhi.
Il passerottino, raggomitolato sul filo dell’alta tensione, non si cura di quanto gli sta accadendo, si ferma all’apparenza, si nutre di essa, senza entrare nel merito che il suo corpo è attraversato da migliaia di Volts, il suo riferimento è il passerottino accanto e chi è avvezzo alle “tematiche elettriche” sa che senza una vera differenza di potenziale non c’è movimento di corrente. Senza un riferimento, verso l’alto o verso il basso, non c’è alcun movimento.
Fatalmente però, se questa differenza si dovesse d’improvviso palesare, il povero passerottino verrebbe immediatamente carbonizzato dallo shock, e quindi si guarda bene dal far sì che questo avvenga, quasi sapesse quale potrebbe essere la sua sorte se tentasse di cambiare stato.
Si limita quindi a mangiare gli avanzi dell’aia e a sospirare delegando ad altri passerottini l’”onore” di diventare divo, tanto, mal che vada, poi l’appendono a testa sotto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Zeitgeist - E se Gesù Cristo non fosse mai esistito? E se fossero altri i centri decisionali del mondo?*

Pausa lunga in questi giorni di natale. Non lo festeggio più con particolare enfasi negli ultimi anni, ma ciò non toglie che intorno a me le persone non vadano in delirio per questa festività... memorabile la scena a casa di un mio amico dopo aver manomesso il presepe della sua ragazza buttando a terra tutti i "pupetti" della rappresentazione e piazzando al centro del plastico natalizio una scritta "Boom" a mò di esplosione "Attentato a Betlemme"...

Al di la del mio sempre minor rispetto per "la religione" intesa in senso molto lato, il natale è da sempre per me momento di riflessione, soprattutto in merito alla fede ...

Giocherellavo con la Web History di Google, dovevo pur fare come molti il bilancio di fine d'anno no? Tra la varie statistiche salta fuori sulla sinistra una interessante sezione "Interesting Items" ciò che Google ritiene sia "interessante per me" a partire da quello che BigG sa di me (molto, forse troppo c…

Hack WhatsApp - Un'applicazione vulnerabile by design

Premetto, amo WhatsApp, adoro il fatto che permetta di trasferire messaggi e brevi informazioni ad un costo equo (cioè quasi gratuitamente) rompendo le logiche delle telco che lucrano paurosamente su SMS ed affini (lucravano spero).

Va ricordato, per la cronaca, che WhatsApp è un giocattolo capace di muovere 1 miliardo di messaggi al giorno, ma proprio per questa popolarità è giusto che, in quanto utenti, impariamo a porci alcune domande in merito alla sua affidabilità (questo vale anche per molte altre app a dire il vero).

La prima, da buon paranoico è: Ma quant'è sicuro? Quanto è preservata la riservatezza dei messaggi che girano su quest'app? Poco veramente poco.

Distinguiamo ora due scenari di utilizzo: 1) Rete cellulare 2) Rete wifi

Rete cellulare
E' sicuramente l'approccio più comune per coloro che sono in mobilità. Avrete già intuito che WhatsApp non sia sicura come applicazione. Partendo da quest'assunto (che andremo a sviscerare) possiamo affermare che la …

Digital footprint - La nostra ombra digitale

Un venerdì qualunque, oppure una domenica. Cosa cambia? Di fatto un giorno come tanti altri nelle nostre vite. La necessità di viaggiare per lavoro, la comodità di prenotare il viaggio in ogni sua parte, sprofondati nell'ozio del proprio divano casalingo.
La destinazione la conosciamo già ma, al netto delle nostre competenze in geografia, una sbirciatina a Google Maps la diamo sempre prima di partire, anche solo per avere un'idea di quale possa essere il mezzo migliore per raggiungere la nostra meta.
Accendiamo il nostro portatile (o afferriamo lo smart-coso di turno), accediamo a Google Maps e il browser ci suggerisce di consentirgli l'accesso alla nostra posizione.

Ma come sul portatile c'è il GPS? No, o almeno non nel senso stretto del termine.

Il wifi non serve solo per la connettività, la buona Google Car, oltre alle foto delle nostre strade, con Street View,  ha anche preso nota degli SSID delle wifi che incontrava sul suo cammino così che, oggi, WiFi possa fare rim…