Passa ai contenuti principali

Human Firewall e Social engineering

Il problema che viene da dentro ... gli intruders ... persone che volontariamente o involontariamente diventano pedine di quelle spie (Hacker mica tanto) che sfruttano l'anello debole della catena IT security, l'impiegato medio! :shock:

Le pratiche del social engineering non sono poi così difficili, con un pò di faccia tosta ed un pò d'allenamento si riescono a fare "cose magiche" ...

Il Condor aka Kevin Mitnick ci spiega qualcosina in merito Click Here

Commenti

Post popolari in questo blog

Hack WhatsApp - Un'applicazione vulnerabile by design

Premetto, amo WhatsApp, adoro il fatto che permetta di trasferire messaggi e brevi informazioni ad un costo equo (cioè quasi gratuitamente) rompendo le logiche delle telco che lucrano paurosamente su SMS ed affini (lucravano spero).

Va ricordato, per la cronaca, che WhatsApp è un giocattolo capace di muovere 1 miliardo di messaggi al giorno, ma proprio per questa popolarità è giusto che, in quanto utenti, impariamo a porci alcune domande in merito alla sua affidabilità (questo vale anche per molte altre app a dire il vero).

La prima, da buon paranoico è: Ma quant'è sicuro? Quanto è preservata la riservatezza dei messaggi che girano su quest'app? Poco veramente poco.

Distinguiamo ora due scenari di utilizzo: 1) Rete cellulare 2) Rete wifi

Rete cellulare
E' sicuramente l'approccio più comune per coloro che sono in mobilità. Avrete già intuito che WhatsApp non sia sicura come applicazione. Partendo da quest'assunto (che andremo a sviscerare) possiamo affermare che la …

Digital footprint - La nostra ombra digitale

Un venerdì qualunque, oppure una domenica. Cosa cambia? Di fatto un giorno come tanti altri nelle nostre vite. La necessità di viaggiare per lavoro, la comodità di prenotare il viaggio in ogni sua parte, sprofondati nell'ozio del proprio divano casalingo.
La destinazione la conosciamo già ma, al netto delle nostre competenze in geografia, una sbirciatina a Google Maps la diamo sempre prima di partire, anche solo per avere un'idea di quale possa essere il mezzo migliore per raggiungere la nostra meta.
Accendiamo il nostro portatile (o afferriamo lo smart-coso di turno), accediamo a Google Maps e il browser ci suggerisce di consentirgli l'accesso alla nostra posizione.

Ma come sul portatile c'è il GPS? No, o almeno non nel senso stretto del termine.

Il wifi non serve solo per la connettività, la buona Google Car, oltre alle foto delle nostre strade, con Street View,  ha anche preso nota degli SSID delle wifi che incontrava sul suo cammino così che, oggi, WiFi possa fare rim…

Salvaguardare la propria privacy su Facebook

Facebook è di sicuro il social network più diffuso in Italia (sonoinmoltiadirlo) e quasi tutti noi lo percepiamo viste le conversazioni quotidiane che possiamo avere con i nostri "vicini di casa": "Hai visto tizio, si è lasciato con la ragazza", "Sentito che Sempronia vuole cambiare lavoro? Si lamenta sempre ultimamente"... (se non vi ritrovate in questa descrizione sarete presto minoranza).


Popolarità fa rima con diffusione e più tempo trascorriamo su questo social network (mediamente 8 ore al mese vale la pena ricordarlo) più informazioni lui fagocita, vista anche l'avidità con cui lo imbocchiamo di informazioni.
Siamo in vetrina come i manichini dei saldi col cartellino attaccato all'alluce, e a qualcuno piace anche. Inconsciamente ingrossiamo la nostra "ombra digitale" convinti che le 2574 foto in cui siamo stati taggati non "facciano poi così male" ignari del fatto che molti dei selezionatori di risorse aziendali utilizzan…